Monastero di Bose – Commento al Vangelo del 14 Novembre 2018

60

“Fatevi amici con la ricchezza disonesta, perché quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne” (v. 9). Queste parole di Gesù a commento della parabola dell’amministratore astuto ci spiazzano. Suscitano molte domande: come tenere insieme la disponibilità di una ricchezza con l’insegnamento di Gesù che mette in guardia dai pericoli di possedere molti beni, perché di ostacolo per entrare nel regno di Dio? La ricerca di una sicurezza futura può giustificare un comportamento iniquo per conseguirla? E ancora, in cosa consiste la ricchezza “vera” cui allude il Signore?

Non è facile individuare il filo rosso che unisce i vari detti di Gesù che la pericope odierna ci presenta, ma possiamo provare a sbrogliare la matassa se teniamo presente la dimensione del dono e della gratuità nella quale, tra le righe, siamo invitati a entrare.

Gesù afferma che chi è fedele nel poco, “in una cosa minima”, potrà esserlo in cose importanti. Come quel servo lodato dal suo signore perché si è comportato come un amministratore fidato dei beni che gli sono stati assegnati: “Bene, servo buono, poiché ti sei mostrato fedele nel poco, ricevi potere su dieci città” (Lc 19,17). La fedeltà è qui declinata come capacità di attesa, di lealtà e responsabilità rispetto al dono ricevuto: “Ciascuno, secondo il dono ricevuto, lo metta a servizio degli altri, come amministratori della multiforme grazia di Dio” (1Pt 4,10). Grazia è l’amore di Dio riversato nei nostri cuori, un amore incondizionato, personale.

Gesù qualifica la ricchezza come disonesta, perché spesso ingiusta nella sua origine e nell’uso che se ne fa, e mette in guardia i discepoli perché i tanti beni possono asservire chi li possiede, nella misura in cui vi rivolgiamo le nostre preoccupazioni lasciando che diventino padroni del campo del nostro cuore. Nel nostro cuore, infatti, attraverso una lotta che richiede fatica (“ognuno si sforza di entrarvi”, v. 16), decidiamo se fare regnare l’attaccamento ai beni materiali e a posizioni acquisite, oppure la logica del Regno, che è apertura e fiducia verso l’altro, verso la vita, e comporta l’uscita dai nostri mondi ristretti.

“La pianta non è per mille modi aperta alla luce, ai venti, alla terra? E se non fosse così, non perirebbe? Apertura è vita, è maggiore vita, è migliore vita. Apertura alla bellezza, alla bontà, alla giustizia, all’onestà, a quella logica di bene che ci parla e ci ispira” (A. Capitini).

Non dobbiamo assolutizzare né demonizzare la ricchezza. Siamo chiamati a servire Dio e a servirci di ciò che possediamo, come mezzo per entrare in comunione con i nostri fratelli. Donando, spezziamo la forza che ha mammona di sottometterci alla sua signoria.

Allora scopriremo la ricchezza, quella vera, che nessuno può rapirci e che ci introduce alle dimore eterne: è il dono che facciamo di noi all’altro per riannodare i rapporti e far crescere la fraternità; scaturisce dal non fare riserve di se stessie dalla condivisionedi quello che si è, del poco che si ha: cinque pani e due pesci non sono bastati a sfamare tanta gente?

Si tratta di assumere i tratti del buon Pastore, che ha spezzato e offerto la sua vita per i fratelli: “Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo” (Lc 6,38).

fratel Stefano

Puoi ricevere il commento al Vangelo del Monastero di Bose quotidianamente cliccando qui

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

Lc 17, 11-19
Dal Vangelo secondo Luca

Lungo il cammino verso Gerusalemme, Gesù attraversava la Samarìa e la Galilea.
Entrando in un villaggio, gli vennero incontro dieci lebbrosi, che si fermarono a distanza e dissero ad alta voce: «Gesù, maestro, abbi pietà di noi!». Appena li vide, Gesù disse loro: «Andate a presentarvi ai sacerdoti». E mentre essi andavano, furono purificati.
Uno di loro, vedendosi guarito, tornò indietro lodando Dio a gran voce, e si prostrò davanti a Gesù, ai suoi piedi, per ringraziarlo. Era un Samaritano.
Ma Gesù osservò: «Non ne sono stati purificati dieci? E gli altri nove dove sono? Non si è trovato nessuno che tornasse indietro a rendere gloria a Dio, all’infuori di questo straniero?». E gli disse: «Àlzati e va’; la tua fede ti ha salvato!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

[/box]

Articolo precedentedon Claudio Bolognesi – Commento al #Vangelo del 14 Novembre 2018
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 14 novembre 2018