Monaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vengelo del 7 Aprile 2022

86

- Pubblicità -

I doni di Cristo.

È interessante cercare di mettere insieme gli ammonimenti e le promesse che Cristo ci sta offrendo in questi giorni di immediata preparazione alla santa Pasqua: egli si è definito “Io sono”, luce del mondo, acqua che rigenera, risurrezione e vita, verità che rende liberi. Sono le grandi affermazioni che ci sta proponendo come motivi di fede e di salvezza. Sono anche chiari preannunci della sua e nostra risurrezione. La prima sovrana libertà Gesù la conferma già in se stesso, nei suoi comportamenti: egli non tace e non si ritrae dinanzi alla minaccia e alle assurdità dei suoi avversari.

La verità va affermata e difesa; per le verità di Dio poi dobbiamo essere pronti anche a rischiare la vita. Egli non dubita di creare scompiglio nelle menti ottuse dei suoi avversari, privi di fede, quando afferma di esistere prima di Abramo e ancor più quando, riprendendo la parola con cui Dio si era manifestato a Mosè, dichiara di essere “Io sono”, cioè uguale al Padre nella sua divinità.

- Pubblicità -

Come è vero che, senza la fede, tutto ciò che è divino e soprannaturale trascende ogni umana comprensione, per cui tutto ci appare assurdo e ci colma solo di sbigottimento. Ecco perché Gesù è la luce del mondo, luce che irradia in profondità lo spirito dell’uomo, lo adorna del dono della fede e ne esalta e vivifica tutte le potenzialità, elevandole alla serena accettazione di tutto ciò che Egli è e di tutto ciò che ci rivela.

L’orgoglio, la presunzione di conoscere, di sapere, di comprendere anche l’incomprensibile alla mente umana, sono il nemico dichiarato della fede. È allora che l’errore attecchisce come gramigna nel cuore dell’uomo e lo rende sterile e schiavo. Quando poi i nostri occhi sono chiusi alla luce di Dio possiamo definirci tranquillamente già morti dentro. Gesù invece ci dichiara: “In verità, in verità vi dico: se uno osserva la mia parola, non vedrà mai la morte”.

Egli parlava evidentemente della morte dello spirito e della vita dell’anima, che trascende la fine del nostro corpo votato alla corruzione. Il nostro compito primario rimane ancora quello di preparare il terreno al seme, sempre buono e fecondo, della Parola di vita.

Monaci Benedettini Silvestrini

- Pubblicità -

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteFabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 7 Aprile 2022
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2022