Monaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vengelo del 13 Marzo 2022

102

- Pubblicità -

Questi è il mio Figlio diletto: ascoltatelo!

Il celebre racconto delle promesse divine rivolte ad Abramo si era iniziato con una disposizione categorica: “Vàttene dal tuo paese, dalla tua patria e dalla casa di tuo padre, verso il paese che io ti indicherò”. Questo ordine di rinunziare ad ogni vincolo sociale e familiare è stato imitato nel corso dei secoli da quanti hanno accettato di dedicarsi totalmente a Dio in una scelta di vita consacrata. Nella narrazione trasmessa dal libro della Genesi, i tre settori di azione di Dio erano stati indicati: la promessa di una posterità innumerevole; quanti accetteranno la storia della salvezza saranno figli della promessa; infine, nella discendenza di Abramo e dei figli della promessa, saranno incluse tutte “le famiglie della terra”.

Giunto a destinazione, Abramo offre un sacrificio, che lo mette in una relazione giusta con Dio, con un rito di giuramento: Dio si impegna in modo irrevocabile. La Quaresima ci aiuta ad approfondire le radici della vocazione. Tutto questo perché “il Signore è mia luce e mia salvezza”. Poi, nella seconda lettura, il breve estratto della lettera di San Paolo ai Filippèsi, che è un riassunto di una catechesi battesimale in uso agli inizi della Chiesa.

- Pubblicità -

Alcuni sono nemici della Croce di Gesù e sono intenti alle cose della terra; altri hanno scelto la patria dei cieli. Per questi, Cristo salvatore trasfigurerà il corpo mortale “in virtù del potere che ha di sottomettere a sé tutte le cose”. Il cristiano rivive l’incarnazione, la morte e la risurrezione del Signore: la spiritualità quaresimale è centrata sul ruolo di Cristo nella storia sacra, e ci fa desiderare di raggiungere la mèta: la fedeltà conduce a quell’incontro. Il centro della Quaresima è Gesù Cristo, maestro di vita e redentore.

Lo vediamo nell’episodio della trasfigurazione. In quel brano è presente la prima professione di fede di San Pietro e l’annuncio da parte di Gesù della sua passione e della necessità di seguirlo portando la croce. I ricordi delle antiche manifestazioni divine dichiarano implicitamente che Gesù, accompagnato da Mosè ed Elia, realizza la pienezza della Legge e dei Profeti, e pertanto egli è la guida dell’umanità verso una pienezza di fede in Dio.

Gesù sale sul monte per pregare in disparte: nel colloquio con il Padre avviene la conferma del suo destino. La nube luminosa, con la voce divina, attesta che Dio è presente per ratificare la missione del “Figlio mio l’eletto; ascoltatelo”. Scendendo dal monte, il cammino si riprende nella fede; ormai ascoltare Cristo significa obbedire alla sua voce. Lo stesso San Benedetto incoraggia: “Ascolta, o figlio, gli insegnamenti del maestro e tendi l’orecchio del tuo cuore, accogli volentieri l’ammonimento del padre affettuoso ed esaudiscilo con impegno” (Regola, Prologo).

Monaci Benedettini Silvestrini

- Pubblicità -

Photo by Aaron Burden on Unsplash

Articolo precedenteMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 13 Marzo 2022
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – In principio erano fratelli