Monaci Benedettini – Il commento al Vangelo del giorno, 18 Giugno 2020

30

Commento al Vangelo del 18 giugno 2020 a cura dei Monaci Benedettini –

XI Settimana del Tempo Ordinario – Anno A

  • Periodo: Giovedì
  • Il Santo di oggi: S. Gregorio Barbarigo; S. Calogero; S. Leonzio
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Gioite, giusti, nel Signore
  • Letture del giorno: Sir 48,1-14; Sal 96; Mt 6, 7-15
  • Calendario Liturgico di Giugno

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

Pater noster…

Il testo sacro della prima lettura ci invita a volgere lo sguardo verso Elia, di cui tesse l’elogio, ammirandolo e additandolo come colui di cui Dio si è servito per richiamare gli uomini ad onorare e venerare Lui, unico vero Signore. Nel vangelo Gesù insegna ai discepoli a pregare. La meravigliosa preghiera del Padre Nostro ci insegna non solo che noi sappiamo come pregare, ma ci indica anche ciò che noi, poveri mortali, dobbiamo chiedere a Dio, per la sua gloria e quanto da Lui ci attendiamo, nella nostra povertà.

Oltre il pane quotidiano, cioè tutto ciò che ci è necessario per una vita serena, personalmente e socialmente, chiediamo il perdono dei nostri peccati e la capacità di perdonare. San Benedetto è molto attento circa il fatto del perdono reciproco, necessario sempre, ma in particolare quando si vive insieme, l’uno vicino l’altro: famiglia, comunità, gruppi, ambiente di lavoro… Il santo Legislatore Benedetto vuole che, sia alle lodi del mattino che alla preghiera del vespro, l’Abate reciti ad alta voce il Padre Nostro perché i fratelli si sentano spronati e impegnati al reciproco perdono ascoltando quelle parole: Rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori (R.B. 13,13).

Se recitassimo bene, adagio la preghiera del Padre Nostro, pensando a quello che diciamo, forse tante incoerenze nella nostra vita privata e comunitaria sarebbero evitate. Santa Teresa del Bambino Gesù, nei suoi giorni oscuri, si confortava e consolava nel recitare adagio, assaporando ogni parola di questa insuperabile preghiera.


AUTORE: Monaci Benedettini
FONTE: https://liturgia.silvestrini.org
SITO WEB

Image by 6863 from Pixabay

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 18 Giugno 2020
Articolo successivoMons. Costantino Di Bruno – Commento al Vangelo del 18 Giugno 2020