Michele Tambellini – Commento al Vangelo del 7 Aprile 2020

127

È notte! Il Maestro sta iniziando a congedarsi. “Figlioli, ancora per poco sono con voi: voi mi cercherete ma, come ho detto ai Giudei, ora lo dico anche a voi: dove vado io, voi non potete venire”.

È in questa notte che si consuma una cena non proprio tranquilla, quello che sta accadendo è una vera e propria consegna. Gesù sta per essere consegnato.

La curiosità prende il sopravvento e cercano di capire chi, cosa, come, perché quando… Ancora non sapranno che Gesù darà la vita anche per loro. I discepoli, adesso presi dalla curiosità non vanno al cuore della situazione.

La curiosità che nasce dalle parole appena pronunciate dal Maestro distolgono i loro cuori da Lui. È notte anche nei cuori.

Sarà quella notte la via inevitabile che ci condurrà alla luce del giorno. Signore, insegnaci ad “abitare” le nostre notti!