Michele Tambellini – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2020

46

Forse Filippo è ancora un po’ confuso dopo le parole di Gesù, la sua fede ha bisogno di essere rafforzata e ravvivata e non vista come accesso privilegiato a Dio, proprio per questo nasce la domanda: “Mostraci il Padre e ci basta”.

Gesù risponde che chi vede Lui vede il Padre. Ci mostra la via e la modalità di una relazione semplice e ordinaria con Dio: “Se mi chiederete qualcosa nel mio nome, io la farò”. È molto commuovente questa frase. Chiedere, non pretendere. Chiedere con semplicità. Non lancia una sfida, ci tocca il cuore.

Vuole accogliere e far sue le nostre attese e speranze. Guardiamo a Lui e vedremo il Padre, crediamo a Lui e dimoreremo nel Padre. San Gaetano Thiene spesso diceva: “Non sfidate la provvidenza, perché vi risponderà con gli schiaffi dell’abbondanza”. Si, guardiamo a Gesù, domandiamo senza pretendere e le Sue risposte non mancheranno!

Michele Tambellini, seminarista dell’arcidiocesi di Lucca.

Articolo precedenteCommento al Vangelo dal foglietto “La Domenica” del 10 Maggio 2020
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 10 Maggio 2020 a cura di Fabrizio Giannini