Michele Tambellini – Commento al Vangelo del 29 Aprile 2020

244

Oggi troviamo un Gesù esultante, rende lode al Padre che ha compiuto una scelta preferenziale nei confronti dei piccoli. “Ti rendo lode Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose hai sapienti e ai dotti e le hai rivelate ai piccoli”.

Gesù vuole che impariamo ad essere piccoli. I piccoli sono ricchi di docilità, fiducia, amore incondizionato. Torniamo ad essere “piccoli” per lasciarci guidare con fiducia. Certo, i momenti di prova e di sofferenza non mancheranno, per questo ci dice “Venite dietro a me voi tutti che siete stanchi e oppressi e io vi darò ristoro”.

Anche in questo periodo di prova cerchiamo di trovare ristoro in Lui. Torniamo piccoli e amiamo. Alla radice dell’amore c’è l’umiltà, l’umiltà di non guardare a se stessi ma all’altro. Liberiamo l’amore dal nostro “io”, torniamo all’essenziale del cristianesimo e se ci facciamo piccoli nell’umiltà del cuore e della vita saremo un giorno grandi nel regno del Padre.

Michele Tambellini, seminarista dell’arcidiocesi di Lucca.