Martín Luque – Commento al Vangelo del 12 Gennaio 2022

59

Il Signore percorre le campagne e i villaggi della Galilea annunciando il suo messaggio, guarendo i malati e scacciando i demoni. È un’attività intensa perché sono sempre più quelli che si avvicinano per conoscerlo ed esporgli i propri bisogni. Gli apostoli, che da poco tempo vanno dietro al Signore non finiscono di stupirsi: Tutti ti cercano!

Nel bel mezzo di questo viavai san Marco ci racconta, per inciso, un particolare che, a pensarci bene, è la chiave per capire da dove venivano al Signore le forze per compiere la sua missione. Leggiamo: “Al mattino presto si alzò quando ancora era buio e, uscito, si ritirò in un luogo deserto, e là pregava”.

Gesù aveva la vitalità che gli permetteva di raggiungere tutte le località della Galilea perché cercava, anche con impegno, il dialogo con suo Padre. Ci insegna così che il compito di annunciare il vangelo e la vita di preghiera sono indissolubilmente unite.

È nell’orazione che scopriamo sempre di nuovo l’autentico fondamento della nostra vita cristiana, dove troviamo il nostro centro e, soprattutto, dove riusciamo a stare lontani dalla fretta, dall’agitazione, dalla superficialità, dall’attivismo.

San Marco ci mostra così due facce della stessa moneta. Da un lato, siamo invitati, come il Signore, a una intensa attività di evangelizzazione, disposti a sacrificarci per il bene delle persone che ci attorniano e, dall’altro, non dobbiamo dimenticare che la nostra forza è prestata e pertanto dobbiamo cercarla nel dialogo di preghiera con Dio.

Martín Luque


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 12 Gennaio 2022
Articolo successivoI messaggi di cordoglio di Papa Francesco e CEI per la scomparsa di David Sassoli