Luis Miguel Bravo Álvarez – Commento al Vangelo del 24 Marzo 2021

13

La liturgia di questi giorni continua a presentarci il dialogo di Gesù con i Giudei nel Tempio di Gerusalemme. In questa occasione, san Giovanni annota che il Signore si rivolge a “quei Giudei che gli avevano creduto”. All’inizio, Gesù fa loro capire che “Cominciare è di tutti; perseverare è dei santi” (Cammino, n. 983). Seguire il Signore non è lasciarsi trasportare da un impulso passeggero. Credere il Lui, vuol dire “rimanere nella sua parola” che è l’unica capace di portarci alla conoscenza della verità liberatrice, che include la verità su noi stessi. Ciò nonostante, avviene come un corto circuito nella comunicazione: Gesù annuncia loro che è venuto a portargli la libertà e loro si offendono perché “non sono mai stati schiavi di nessuno”.

Il Signore viene a spezzare i catenacci del triste carcere che è stato creato dal peccato, però loro, non volendo riconoscere che sono incatenati per le loro colpe, cominciano a chiudere la porta dal di dentro. “Dio, che ti ha creato senza di te, non può salvarti senza di te”, diceva sant’Agostino. Su questa linea, san Josemaría ci chiede: “Vuoi considerare — anch’io mi sto esaminando — se mantieni immutabile e ferma la tua scelta per la vita? Se rispondi liberamente di sì alla voce di Dio, amabilissima, che ti stimola alla santità?“ (Amici di Dio, n. 24).

Molti seguirono Cristo nel tempo della sua vita terrena, però sono stati pochi quelli che seppero “rimanere nella sua parola” sino alla fine. In un certo senso, possiamo dire che furono pochi quelli che si comportarono da figli: “lo schiavo non resta per sempre nella casa; il figlio vi resta per sempre”. Quelli che non perseverarono, non erano ancorati alla loro filiazione divina. Quelli che non perseverarono, fuggirono perché la loro fedeltà, la loro motivazione, la loro apparente rettitudine di intenzione era quella del servo.

Ci avviciniamo alla Settimana Santa, nella quale contempleremo da vicino, sotto alla Croce, colei che veramente seppe perseverare nella parola di Gesù, la donna che, essendo Immacolata, visse una perseveranza sempre libera. Accudiamo alla sua intercessione affinchè nella nostra vita si facciano realtà queste parole: “Qual è il segreto della perseveranza? L’Amore”(Cammino, n. 999).


Fonte: La pagina Facebook di “Opus Dei Italia” | Sito Web con tutti i commenti al Vangelo 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentePapa Francesco – Udienza Generale del 24 Marzo 2021 – testo, video e audio
Articolo successivoCommento (e immagini) al Vangelo di domenica 28 Marzo 2021 per bambini – Fano