Luis Miguel Bravo Álvarez – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2021

16

Questa volta sì che scribi e farisei immaginavano di avere tutto sotto controllo. Avevano predisposto un colpo da maestro. Non c’erano possibili scappatoie. La trappola era perfetta.

Tuttavia, ancora una volta Gesù dà loro una straordinaria lezione di quella creatività dell’amore di cui parla tanto papa Francesco.
Come di solito, Cristo aveva trascorso la notte sul monte degli Ulivi, pregando, dialogando con suo Padre. Questo dettaglio non è banale: ci insegna che la comprensione l’impariamo nella preghiera. Di primo mattino, il Maestro ritorna al Tempio, dove da poco si era sollevata una discussione circa la sua vera origine, sulle fonti della sua dottrina, sul perché di tanta sapienza in un semplice carpentiere senza istruzione.
E lì, mentre è attorniato dalla gente, compaiono gli scribi e i farisei spingendo una donna. Probabilmente, saranno arrivati senza alcuna riservatezza, come quelle persone che si considerano più importanti degli altri, che si intromettono nelle discussioni degli altri, arrogandosi il diritto di interrompere a tutti i costi.

Il contesto è perfetto: la maestà del Tempio, simbolo della presenza di Dio tra il suo popolo, e la folla che sta ascoltando Gesù, che sarà testimone diretto del suo fallimento. Sono certi che non ha che una sola opzione: o dimostrarsi inumano o blasfemo. O contro l’umanità 0 contro Mosè. Comunque vada, quel fastidioso predicatore galileo finirà male davanti alla gente. Non c’era, infatti, possibile risposta che potesse accontentare tutti. Così, almeno, pensavano.

Tuttavia, tutto quello che ricevettero quelli che volevano lapidare la donna, è stata una frase lapidaria: «Chi di voi è senza peccato, getti per primo la pietra contro di lei».

Gesù dà sempre di più di quanto gli si chiede: gli hanno chiesto un parere e Lui ha offerto un luce eterna. Lo hanno messo davanti a un bivio e Lui ha aperto una nuova via. Magari imparassimo dal Signore a cercare sempre nuove vie per salvare il peccatore, senza nasconderci dietro la sicurezza dei nostri giudizi.


Fonte: La pagina Facebook di “Opus Dei Italia” | Sito Web con tutti i commenti al Vangelo 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2021
Articolo successivodon Claudio Bolognesi – Commento al Vangelo del 22 Marzo 2021