Luis Cruz – Commento al Vangelo del 24 Ottobre 2021

88

Nel suo viaggio verso Gerusalemme, dove si compirà la nostra salvezza. Gesù attraversa una cittadina chiamato Gerico. Lì, sul lato della strada, stava seduto un cieco del quale conosciamo il nome, Bartimeo. Quell’uomo trascorreva tutto il giorno a chiedere l’elemosina ai passanti. Fa la stessa cosa con il Signore, chiedendogli aiuto gridando: «Abbi pietà di me!».

Gesù non soltanto ascolta il suo grido, ma conosce perfettamente la sua condizione e le sue necessità più profonde. Tuttavia, all’inizio non ci fa caso, vuole che Bartimeo sappia vincere il rispetto umano per quelli che lo invitano a zittirsi, vuole che gridi con più forza. Ed è proprio quello che succede. Subito Gesù si ferma e lo fa chiamare proprio da coloro che lo rimproveravano, e che ora hanno parole di incoraggiamento: «Coraggio! Alzati, ti chiama!».

In altre occasioni il Maestro aveva sanato subito la malattia dell’infermo che gli presentavano. Questa volta, invece, chiede direttamente allo stesso, come se avesse dubbi su ciò che chiedeva: «Che cosa vuoi che io faccia per te?».
La stessa cosa succede anche a noi nella nostra preghiera: non basta chiedere una volta, occorre gridare, bisogna perseverare nella supplica. Dobbiamo riuscire a metterci dinnanzi a Dio anche se i nostri occhi restano ciechi vicino a Lui. E Dio ci rivolge la stessa domanda: «Che cosa vuoi da me? Che vuoi che io faccia per te?».

Il cieco ha un chiaro desiderio: vedere. E questo è ciò di cui abbiamo bisogno: vedere, vedere meglio, avere visione soprannaturale nella nostra vita, imparare a guardare il mondo con i suoi occhi.

Di fronte alla supplica di Bartimeo il Signore non lo manda per guardare, ma ad andare, a mettersi in cammino, per seguirlo lungo la via. I momenti di preghiera durante le nostre giornate, in mezzo a tutte le attività che portiamo avanti, sono un tesoro di grande valore, come l’incontro di Bartimeo con Gesù che passa. Si tratta di fermarsi, chiamarlo e ricominciare a vedere, per seguirlo più da vicino.

San Josemaría, quando era giovane, prima di ricevere l’ispirazione dell’Opus Dei, ripetè molte volte queste parole: Domine, ut videam! Signore, che io veda! E raccomandava a tutti di recitare costantemente questa giaculatoria: «Mettiti ogni giorno davanti al Signore e, come quel povero bisognoso del Vangelo, digli piano, con tutto lo slancio del tuo cuore: “Domine, ut videam!” — Signore, che io veda!; che io veda ciò che ti aspetti da me e lotti per esserti fedele» (Forgia, n. 318).

Luis Cruz


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 24 Ottobre 2021
Articolo successivoDon Luciano Condina – Commento al Vangelo del 24 Ottobre 2021