Luca Lanari – Commento al Vangelo del 15 Aprile 2019 – Gv 12, 1-11

1

Vi è mai capitato di indovinare l’identità della persona che ha usato l’ascensore, oppure è appena scesa dalle scale o ha da poco cambiato stanza, annusando la sua scia di profumo?

Non dite di no perché non ci credo. Succede questo: identifichiamo qualcuno, pur senza vederlo, dalla traccia odorosa che lascia. Con i dovuti accorgimenti da prendere quando si fanno analogie un po’ azzardate come questa, direi che dovremmo fare come Maria: offrire a Gesù un elemento di noi stessi che spesso ci caratterizza, un aspetto che permette agli altri di riconoscerci.

Il che equivale a dire, offrire a Lui tutto noi stessi anche se è per noi un dono “assai prezioso”. Ma se ci dedichiamo a Cristo, se gli offriamo il nostro profumo più costoso, quello stesso profumo riempirà tutta la casa, si spanderà tutto intorno.

Gli altri lo percepiranno anche quando non saremo più presenti.

Commento a cura di Luca Lanari.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.