la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2022

65

- Pubblicità -

L’immagine del pastore e delle pecore in questo brano del Vangelo di Giovanni è come “capovolta” rispetto all’immagine che conosciamo dal Vangelo di Matteo e di Luca. Là il pastore usciva alla ricerca della pecora smarrita per riportarla all’ovile.

Qui il pastore entra nel recinto delle pecore per chiamarle fuori e condurle verso grandi pascoli. Là era un’opera di riconciliazione e di ritorno a casa, qui invece un’opera di liberazione e un cammino verso la pienezza della vita.

Il recinto è simbolo della legge, la quale era diventata una prigione per scribi e farisei. Gesù lo fa diventare il punto di partenza per il grande viaggio, quello del passaggio dalla legge all’amore.

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2022
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 9 Maggio 2022