la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 4 Maggio 2022

62

- Pubblicità -

Non un pane qualsiasi, ma il “pane della vita”. Così si definisce oggi Gesù. Mangiare questo pane non significa solo assimilare Gesù, ma più precisamente essere assimilati a Lui, acquisire i suoi stessi tratti!

Gesù stabilisce oggi una netta novità rispetto alla sapienza dell’AT; nel libro del Siracide troviamo scritto: “Quanti si nutrono di me avranno ancora fame e quanti bevono di me avranno ancora sete”, Gesù dice oggi: “chi viene a me non avrà fame e chi crede in me non avrà sete, mai”.

La presenza personale di Gesù apre davvero a un’umanità nuova! Perché continuare ad avere fame e sete e non accorgersi di quella sorgente di acqua viva che zampilla per noi?

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 4 Maggio 2022
Articolo successivoMissio Ragazzi – Commento al Vangelo di domenica 8 Maggio 2022 per ragazzi