la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021

201

- Pubblicità -

Il dolore più grande non è quando si soffre, ma quando a soffrire è qualcuno che si ama. È lì che si sperimenta la più cruda impotenza. L’amore vuole l’amato felice ed è disposto a rimetterci del proprio pur di vedere chi gli è caro stare meglio.

Oggi questo centurione ne fa esperienza. Quanto gli doveva essere caro quel servo! Ammira come l’amore e il dolore riescono a strappargli uno dei più profondi atti fede di tutto il Vangelo.
Anche tu puoi fare dell’amore e del dolore di ogni giorno un grande atto di fede a Dio. Anche Gesù soffre per te più che per tutto il dolore della croce.

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 29 Novembre 2021