la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2022

187

- Pubblicità -

Un salmo recita che il contadino: “Nell’andare, se ne va piangendo, portando la semente da gettare, ma nel tornare, viene con gioia, portando i suoi covoni”. Piange perché getta ciò che potrebbe già diventare pane, esponendosi a un’attesa piena di incertezze. Questo è il Regno di Dio: dare a Lui ciò che potresti già portare a “casa” e lasciare che sia Lui a compiere le sue promesse per te.

Gettare il seme è un gesto di fiducia e di speranza che ha bisogno della tua operosità. Poi però devi avere pazienza, accettando che non puoi controllare tutto. Non è compito tuo quello di compierti! Ti compirà il Signore, e sarà davvero la pienezza che cercavi.

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2022
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 28 Gennaio 2022