la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 26 Marzo 2022

115

- Pubblicità -

Il pubblicano non è migliore del fariseo, i suoi peccati non sono meno gravi, forse non è nemmeno più umile. Il motivo per cui lui solo viene giustificato è un altro. Perché egli semplicemente mette al centro la pietà di Dio.

Il cuore della fede infatti non è ciò che io faccio per Dio, ma ciò che Dio fa per me; la salvezza non è quanto io amo Dio, ma che Dio mi ama e che io mi apra a questo amore.

Dio è più grande del mio peccato, più grande del mio cuore, delle mie paure! Dio non si merita, si accoglie. Credi nella Sua misericordia!

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

- Pubblicità -


Articolo precedentedon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 26 Marzo 2022
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 26 Marzo 2022