la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2022

88

- Pubblicità -

I discepoli non comprendono le parole di Gesù. La croce rimane per l’uomo sempre un mistero! Ecco perché non è sempre facile intravedere il disegno di Dio negli eventi della vita. A volte, anche a distanza di anni, emergono “perché” a cui non sappiamo dare una risposta.

Confessare la fede non significa saper rispondere a tutte le domande ma riconoscere che in ogni cosa, e attraverso ogni cosa, Dio può realizzare il suo progetto. Noi crediamo che Dio ci ama e non permette il dolore se non per un bene ancora più grande. Questa certezza è la luce che rischiara tutta l’esistenza cristiana.

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedentedon Antonio Savone – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2022
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 26 Maggio 2022