la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2022

144

- Pubblicità -

Quando si parla di operai della messe solitamente il pensiero va ai sacerdoti, tutt’al piú ai consacrati. Mi piace invece vedere in questi operai dei padri e delle madri. Attenzione: non per forza chi ha generato biologicamente un figlio. Parlo della paternità e maternità a cui ognuno è chiamato nella sua specifica vocazione. Sei fatto figlio di Dio, perché a tua volta possa generarne altri. La messe è molta ma sono pochi coloro che immettono vita nella vigna del Signore.

Non pensare più agli altri, tu puoi essere quell’operaio. Essere fecondo è la sfida più bella dell’amore. Prega che il Signore doni sempre tanta fecondità alla sua Chiesa, iniziando con te.

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2022
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 26 Gennaio 2022