la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 26 Aprile 2022

95

- Pubblicità -

“Dovete nascere dall’alto”. Verrebbe da dire: “Gesù mio, come puoi comandare qualcosa che non è nelle mie forze?”. Se però andiamo a vedere il verbo greco deî tradotto con “dovete”, scopriamo che la sua traduzione migliore sarebbe “bisogna, è necessario”.

Rinascere dall’alto è una necessità più che un dovere. Il punto sta proprio nel fatto che qualsiasi tipo di crescita o rinnovamento non va cercato nella capacità dell’uomo ma nella potenza di Dio.

A volte ci convinciamo che basti la buona volontà o l’intelligenza per spiccare il volo della fede. Invece non è lo sforzo umano a produrre la grazia. La grazia rimane grazia, quindi dono. Il bene viene da Dio e tutto si realizza grazie a Lui.

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 26 Aprile 2022
Articolo successivodon Antonello Iapicca – Commento al Vangelo del 26 Aprile 2022