la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 25 Gennaio 2022

213

- Pubblicità -

Davanti a un Vangelo così solenne, c’è sempre da ricordarsi una cosa: “Non rallegratevi perché i demòni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli” (Lc 10,20). Ricevere una chiamata, un potere, una missione, contiene il rischio di entrare in un ruolo e da questo ruolo trarre poi l’identità dell’esistenza.

Sono forse cristiano per compiacere me stesso? Certamente no. Perché “noi non annunciamo noi stessi, ma Cristo Gesù Signore: quanto a noi, siamo i vostri servitori a causa di Gesù” (2Cor 4,5).

Qualsiasi nostra capacità viene da Dio. Qui sta il bello, perché so che non dipende da me. E quando sono consapevole di questo, inizio a essere libero… di amare: la più grande missione.

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Domenico Bruno – Commento al Vangelo del 25 Gennaio 2022
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 25 Gennaio 2022