la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2022

111

- Pubblicità -

Stupisce e dispiace lo sdegno omicida dal quale vengono invasi gli abitanti di Nazaret.

Essi devono accettare che Gesù non si chiude nel recinto della loro città: la sua missione sarà universale! Gesù stesso infatti aveva loro ricordato due episodi storici, nei quali l’intervento divino si è compiuto non per membri del popolo di Dio, ma per stranieri di altre credenze religiose.

Lo sdegno dei compaesani di Gesù nasce dunque dal fatto che Egli non si annuncia essere al loro servizio. Loro lo vorrebbero accaparrare, lo vorrebbero in possesso e uso esclusivo. Vogliono il loro “dio” solo per loro. Invece la grazia di Dio è per tutti coloro che l’accoglieranno.

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

- Pubblicità -


Articolo precedentedon Alessandro Farano – Commento al Vangelo del 21 Marzo 2022
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 21 Marzo 2022