la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 21 Giugno 2022

57

- Pubblicità -

La porta stretta non è la grazia di Dio che trabocca dal suo immenso cuore: questa è data in sovrabbondanza! Piuttosto è la volontà dell’uomo che è chiamata a confrontarsi con la strettezza dell’umiltà. Senza la piccolezza infatti, non si può entrare nel mistero di Dio.

Sant’Agostino commenta: “la superbia, presumendo una grandezza vuota, non permette che l’uomo cammini per la strada stretta ed entri per la porta stretta”. La porta stretta richiama dunque la piccolezza; essa chiede all’uomo di rinunciare a quella abituale presunzione di voler comprendere tutto.

Ricordiamoci sempre che Gesù stesso è la porta – Lui la via che conduce al Padre – e sarà sempre larga a sufficienza per chi vuole essere salvato da Lui. 

Link al video

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 21 Giugno 2022
Articolo successivoEnzo Bianchi – Commento al Vangelo del 26 Giugno 2022