la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2022

76

- Pubblicità -

Capita che, quando ci si confessa, ci si accusi di aver giudicato. Bisognerebbe però stare attenti a non chiamare subito peccato una innata capacità che Dio ha donato all’uomo. Perché l’uomo è chiamato continuamente a dare giudizi per interpretare i fatti alla luce della verità.

Chi non sa giudicare non può scegliere con criterio.

Certo, il giudizio può trasformarsi facilmente in una critica severa e senza attenuanti. Giudicare in questo caso significa condannare.

Il vero giudizio invece nasce dal desiderio di bene e conduce al bene; esso è dono dello Spirito Santo. Lo Spirito purifica il nostro sguardo e ci dona la capacità di giudicare ogni cosa con carità. Chiediamo oggi questa grazia!

Link al video

Canale Telegram “la Parola in centoparole

- Pubblicità -

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Giugno 2022
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 21 Giugno 2022