la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022

120

- Pubblicità -

È affascinante la Parola che oggi Gesù mette in evidenza: “rimanere”. Ci richiama a rimanere nella nostra identità, a non essere “schizofrenici cristiani”; questo perché la persona che ama abita dove ha il suo cuore. E invece ci accorgiamo che noi spesso siamo “nomadi” nell’Amore.

Ecco perché è importante rimanere nell’Amore come il tralcio sulla vite, e non in un’altra pianta o in piante sempre diverse come ci capita di fare. Rimanere, abitare in Lui che è il nostro cuore. Chi rimane, rimane nel cuore.

Noi non vogliamo essere nomadi nell’Amore ma fondati in Gesù, e con fiducia ci radichiamo in Lui grazie all’Eucarestia, dove Egli si fa un Corpo solo con noi.

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022
Articolo successivoIl testo dell’Udienza Generale di Papa Francesco del 18 Maggio 2022 anche con video e audio