la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2022

123

- Pubblicità -

“Se uno mi ama, osserverà la mia Parola”. Forse il verbo “osservare” è più giusto intenderlo come un “conservare”, uno “stare sempre con…”, e non un mero “adempimento” dei precetti. Il Salmo1 infatti chiama “beato” chi “medita giorno e notte la legge del Signore”, cioè chi la custodisce, conserva e sempre la richiama alla mente e al cuore.

L’amore è il principio, la ragione e il fine dell’osservanza della Parola di Dio! Prima di tutto l’Amore! Ed è proprio questo che consente a tutti noi peccatori di non smarrire la speranza della comunione con Lui: perché lo amiamo!

Chi non ama Gesù non osserva le Sue Parole, in quanto non le tiene con sé!

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedenteSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2022
Articolo successivodon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 16 Maggio 2022