la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 14 Novembre 2021

59

Dopo la tribolazione anche sole, luna e stelle passeranno. Prima le cose brutte, poi anche le belle: tutto ha una fine.

Ma se ciò che fa soffrire passa perché finalmente sconfitto, le cose belle lasciano semplicemente il posto a Colui che le ha fatte. Allora “non vi sarà più notte e non avrai più bisogno di luce di lampada, né di luce di sole, perché il Signore Dio ti illuminerà”.

Il segreto più importante non è sapere quando tutto questo avverrà, ma scoprire che nell’oggi della tua giornata c’è già un po’ di eternità: si tratta della Sua Parola, che se ti entra nel cuore, non passa più.

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedenteArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 14 Novembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 14 Novembre 2021