la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2022

55

- Pubblicità -

Questa parola è per gli atei l’utopia cristiana, impossibile da realizzare. 

Per i cristiani invece è fonte di frustrazione tanto da congelare i rapporti impossibili da portare avanti. Se guardiamo a questa pagina come un dovere imposto, non distingueremo più tra “dovere” e “potere”. Nella frase “amare i propri nemici” c’è tutto il potere, in forza dello Spirito Santo, dell’unione con il Padre.

Non è possibile realizzare questa Parola con il solo sforzo di volontà ma è con la forza del Padre nello Spirito che i primi Santi hanno saputo resistere alle persecuzioni; è nel potere dello Spirito che si amano i nemici. Contare solo su se stessi… è tempo perso.

Link al video

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

- Pubblicità -

Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2022
Articolo successivoMessaggio di Papa Francesco per la VI Giornata Mondiale dei Poveri