la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 13 Giugno 2022

66

- Pubblicità -

Qualcuno si è chiesto perché bisognerebbe rinunciare a quella piccola soddisfazione che si prova a ripagare il male subito. Tutti l’abbiamo provata nei litigi da bambini o nei piccoli dispetti tra colleghi e questa ci ha fatto sentire forti, capaci di difenderci.

Quello che chiede Gesù, sulla montagna, fatica a convincerci.

Eppure Egli suggerisce di compiere gesti che sorprendono l’avversario. Gesù ci insegna un vero e proprio stile di vita: bisogna cogliere il metodo più che applicare alla lettera gli esempi! Se rispondiamo al male con il male, alimentiamo la spirale dell’odio. Apparentemente abbiamo risposto con determinazione, ma in realtà abbiamo solo ceduto alla provocazione…

Link al video

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

- Pubblicità -

Articolo precedenteGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 13 Giugno 2022
Articolo successivodon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 14 Giugno 2022