la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 11 Maggio 2022

48

- Pubblicità -

“Io sono venuto nel mondo come luce, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre.” Innanzitutto Gesù ci dice che Lui non è del mondo, ma è venuto “da fuori”.

Si è fatto come noi ma porta Luce propria, noi invece possiamo solo essere illuminati; la stessa differenza che c’è tra sole e luna. Il mondo senza di Lui è un luogo tenebroso. Ma se si può rimanere nelle tenebre, grazie a Gesù c’è un modo per uscire dal buio ed essere illuminati: credere in Lui.

Quale “potenza” c’è nella fede! Impariamo oggi che non bisogna “vedere per credere”, ma “credere per vedere”. Gesù è la nostra luce!

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 11 Maggio 2022
Articolo successivoIl testo dell’Udienza Generale di Papa Francesco del 11 Maggio 2022 anche con video e audio