la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 11 Gennaio 2022

65

È evidente che il parlare di Gesù sia autorevole. Ma il punto è: chi ascolta la sua voce è capace di riconoscere questa autorità? Nella sinagoga di Cafarnao tutti la riconoscono.
E tu a chi dai autorevolezza? Dove sta la verità?

La coscienza ha un ruolo fondamentale in questo riconoscimento. Essa “è il nucleo più segreto e il sacrario dell’uomo, dove egli si trova solo con Dio, la cui voce risuona nell’intimità” (CCC 1776). La vita spesso ci mette in condizione di sottrarci ad ogni riflessione, Sant’Agostino allora ci ricorda: “Ritorna alla tua coscienza, interrogala. […] E in tutto ciò che fai fissa lo sguardo sul Testimone, Dio”.

fra Simone

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


Articolo precedentedon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 11 Gennaio 2022
Articolo successivoDon Antonio Mancuso – Commento al Vangelo del 11 Gennaio 2022