la Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022

35

- Pubblicità -

La tentazione di sempre è quella di voler diventare grandi come Dio. Ma il Signore ci insegna un’alternativa all’autoreferenzialità del “io so quando Gesù parla e cosa deve dirmi”: è l’accoglienza del Dono, la stessa via che ha imboccato Maria, quella di chi riconosce la propria povertà e pochezza e si apre al Dono totale e infinito che è Dio, Amore senza limiti.

Maria si è fatta guidare come pecorella dal Suo Pastore. Ha ascoltato la Sua voce.

San Pietro nella sua prima lettera così descrive l’effetto dell’opera di Gesù per noi: “Eravate erranti come pecore, ma ora siete stati ricondotti al pastore e custode delle vostre anime”. Chiediti oggi: chi è il tuo pastore?

Canale Telegram “la Parola in centoparole

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno


- Pubblicità -

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022
Articolo successivoTutorial WeCa – Le Comunicazioni Sociali e l’evangelizzazione nel mondo contemporaneo