Juan Luis Caballero – Commento al Vangelo del 6 Ottobre 2021

59

L’evangelista Luca ci dice che Gesù pregava con una certa frequenza. Spesso lo faceva in luoghi appartati e tranquilli. E questo richiama molto l’attenzione dei discepoli. Sono molti i modi di rivolgersi a Dio: come Creatore, come Sovrano, come Giudice. Ma quegli uomini che stavano vicini a Gesù e lo ascoltavano volevano avere con Dio un rapporto simile a quello che vedevano nel loro Maestro, il rapporto fiducioso di un figlio con suo padre.

Questo ci può aiutare a pensare che anche le persone che ci stanno attorno potrebbero trovare in noi dei maestri di orazione se si sentissero attratti dal nostro modo di pregare. Noi cristiani, in realtà, siamo chiamati a trasmettere una tradizione di preghiera che ha avuto inizio proprio in Gesù e che è diventata vita, nel corso di oltre duemila anni, per le tantissime persone che hanno coltivato un rapporto filiale con Dio Padre.

La parola “Padre” è seguita, nella versione di Matteo, da “nostro”. Ci rivolgiamo a Dio personalmente, ben sapendo che una persona vive e cresce in seno a una famiglia. Nessuno va avanti solo. Nessuno cresce solo. La nostra prima compagnia, naturalmente, è quella del Padre, quella del Figlio e quella dello Spirito Santo. Perciò nel Padrenostro esprimiamo il desiderio che tutti riconoscano la santità di Dio, lo accolgano come Padre e permettano a Cristo di regnare nei loro cuori, perché l’amore sia il motore di tutti i desideri, pensieri ed opere.

Non si può trattare Dio come Padre ignorando che abbiamo dei fratelli. L’amore a Dio e al prossimo vanno sempre insieme. Perciò nel cuore della nostra preghiera c’è anche la richiesta del cibo che ci permetta di andare avanti e crescere come persone e che ci dia la possibilità di crescere nella comunione con gli altri: accogliendo, perdonando, pregando per loro, avvicinandoli a Dio.

Il nostro rapporto con il Padre comprende una espressione di abbandono e di fiducia, viste le difficoltà e gli attacchi del nemico: non permettere che cadiamo nella tentazione, non permettere che ti sostituiamo, non permettere che mettiamo nulla al di sopra di te.

Juan Luis Caballero


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 6 Ottobre 2021
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 6 Ottobre 2021