Juan Luis Caballero – Commento al Vangelo del 4 Ottobre 2021

53

Luca ci racconta che un dottore della Legge – un “giurista”, dice il testo –, rivolgendosi a Gesù come Maestro, gli domanda: “che cosa debbo fare per ereditare la vita eterna?”. In realtà quello che voleva questo dottore, dice Luca, era tentare Gesù. Voleva realmente un consiglio del Maestro? Gesù, invece di rispondere, gli rimanda la domanda, e allora l’esperto recita a memoria e “alla lettera” un brano tolto dal testo greco del Deuteronomio (6, 5) e dal Levitico (19, 18). Però, di nuovo, il dottore domanda: “Secondo te, chi devo chiamare prossimo?”. E Gesù risponde con una parabola.

Il Maestro parla e interroga allo stesso tempo. Dice anche a noi: “e tu, che cosa credi di dover fare per ottenere la vita eterna? Quale relazione credi che vi sia tra l’amare Dio con tutto il cuore e l’amare il prossimo come se stesso? Chi consideri prossimo? Gesù fa ricorso alla parabola per spingerci ad andare oltre la “lettera” e penetrare nel suo spirito”.

La Legge faceva alcune distinzioni e in base ad esse regolava le relazioni umane. Gesù ci dice che a livello della persona non esistono distinzioni: tutti sono nostro prossimo, anche se hanno una fede diversa, anche se sono di una razza diversa, anche se parlano un’altra lingua, anche se hanno dei difetti e commettono errori.

Se amiamo veramente Dio, parteciperemo del suo Amore verso tutti, perché vedremo le persone come Dio le vede: tutte chiamate ad essere figli suoi in Cristo. E se amiamo veramente noi stessi, cioè, ringraziando per i doni ricevuti ed essendo consapevoli delle carenze e dei difetti in cui dobbiamo migliorare, capiremo com’è l’amore che ci viene chiesto: ringraziare per i doni degli altri ed essere comprensivi, lenti all’ira e ricchi di misericordia, con le loro carenze e i loro difetti, cercando di aiutarci a vicenda per migliorare giorno dopo giorno. Questo significa lasciarsi coinvolgere realmente nella santità degli altri.

Amore è proprio questo: volere per l’altro il dono più grande che esiste e fare ciò che è in nostro potere perché tutti lo otteniamo.

Juan Luis Caballero


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteGiancarlo Airaghi – Commento al Vangelo del 4 Ottobre 2021
Articolo successivodon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 4 Ottobre 2021