Juan Luis Caballero – Commento al Vangelo del 28 Agosto 2021

37

La parabola riportata dal vangelo della Messa di oggi ci invita a fare alcune considerazioni riguardo i doni del Signore e come noi corrispondiamo. Nessuno può dire che gli mancano completamente sia doti umane che grazia divina. E in questo è molto importante non confrontarsi con gli altri, pensando di aver subito ingiustizia per il fatto di non possedere quello che riteniamo che gli altri abbiano. Ciascuno di noi è irripetibile, ognuno di noi è oggetto dell’amore personale di Dio.

La nostra specifica storia, che Dio ha interamente presente davanti ai suoi occhi, ci consente di parlare di alcune capacità: quelle, per dire così, con le quali iniziamo a camminare, e quelle che andiamo sviluppando e ritagliando lungo il cammino con le nostre decisioni. E dobbiamo tener conto di una realtà che è davvero importante: la nostra vita non è già scritta; di essa noi siamo realmente i protagonisti; la presenza di Dio, illuminandoci, dandoci suggerimenti, incoraggiandoci, spingendoci, consolandoci, guarendoci, è ciò che ci permette di tenere la barra del timone, di essere i protagonisti della nostra esistenza.

La grandezza della persona umana non è pari alle doti ricevute. Ci sono persone che hanno ricevuto molto e hanno corrisposto molto, ma, anche, quelle che hanno ricevuto molto e hanno corrisposto poco, come, del resto, ci sono persone che hanno ricevuto meno e hanno corrisposto molto. In ogni caso, questo poco o questo molto di doti ricevute non può essere valutato con il nostro abituale modo di misurare o valutare le cose.

Perché ciò che rende l’uomo veramente grande e ciò che trasforma il mondo è la fede che agisce per amore. E proprio questo mancava a quello che aveva ricevuto un solo talento.

Tutti siamo capaci di amare. La stessa vita ci aiuta a distinguere quali sono i nostri talenti e sin dove possiamo aspirare di giungere con essi, in ogni momento. Però possiamo sempre aspirare all’amore e senza limiti. Perchè l’amore non ne ha. Per di più Dio accresce i nostri talenti secondo la forza del nostro amore. Per questo, è davvero vitale non disprezzare quello che è nelle nostre forze di poter fare, anche se ci può sembrare poco, paragonato a quello degli altri. Il nostro cammino è personale: sta a noi farlo diventare grande, perché dipende dal cuore con il quale lo percorriamo.

Juan Luis Caballero


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 28 Agosto 2021 – Don Francesco Cristofaro
Articolo successivoArcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 28 Agosto 2021