Juan Luis Caballero – Commento al Vangelo del 22 Aprile 2021

173

Soltanto il Vangelo secondo Giovanni ci ha trasmesso i discorsi di Gesù che parla del suo rapporto con il Padre. In questi giorni, la liturgia ci ricorda le parole contenute nel capitolo sesto, precisamente nel discorso sul Pane di Vita. La gente che seguiva il Signore, in lui cercavano la vita. E Gesù si offriva loro come Pane di Vita, ma di una Vita che loro non riuscivano a immaginare. Perché il cibo che gli stava offrendo non era semplicemente per il corpo.

Le parole del vangelo di oggi ci incoraggiano a non cessare di cercare, trovare e amare Gesù (cfr. Cammino, 382). Per questo, è necessario un atteggiamento di apertura del cuore, di ascolto fiducioso e grato, di risposta che lascia coinvolgere la propria vita in un dialogo di amore. Si tratta proprio di questo: un vero ascolto che ci entra nel più profondo del cuore e che trasforma la nostra vita secondo quello che riceviamo.

Cristo vuole darci la mano, illuminare la nostra intelligenza, fortificare la nostra volontà e accompagnarci nel cammino incontro al Padre. Dio è la fonte della vita e vuole condurci a questa fonte. E lo fa dandoci l’esempio per seguire le sue orme (cfr. 1 Pt 2,21). La fede è proprio questo: identificarsi con quello in cui si crede.

In una delle letture della Veglia Pasquale leggiamo queste parole: “O voi tutti assetati, venite all’acqua, voi che non avete denaro, venite, comprate e mangiate; venite, comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte. Perché spendete denaro per ciò che non è pane, il vostro guadagno per ciò che non sazia? Su, ascoltatemi e mangerete cose buone e gusterete cibi succulenti” (Is 55, 1-2). Quante volte abbiamo usato la parola “saziare” senza capire veramente che cosa vuol dire essere sazi! Infatti, il profeta sta parlando di qualcosa che riempie e che non si perde mai.

E proprio questo è quello che dobbiamo cambiare: cibarci di Cristo, cambiare tutta la nostra esistenza in un dialogo continuo con lui, lavorando con lui, riposando con lui, curando l’intimità del suo amore, anelando di vedere un Padre il cui volto ha contemplato soltanto lui e che ce lo ha mostrato e ce lo mostra nel momento in cui lasciamo che viva in noi.


Fonte: La pagina Facebook di “Opus Dei Italia” | Sito Web con tutti i commenti al Vangelo 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Ivan Licinio – Commento al Vangelo del 22 Aprile 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 22 Aprile 2021