Javier Massa – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2021

128

«Chi crede in me, non crede in me ma in colui che mi ha mandato». Queste parole di Gesù sono come il riassunto di molti degli insegnamenti che ci ha dato nel corso della sua vita pubblica.

Gesù evidenzia la necessità di aver fede in Lui per ricevere la vita nuova che ci ha portato. Credere in Lui è credere in Colui che lo ha mandato, il Padre. Spesso rimprovera i suoi discepoli per la loro mancanza di fede, come fa con Pietro quando, in mezzo al lago, gli dice: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?» (Mt 14, 31). Altre volte, loda chi lo cerca per la fede che hanno in Lui, come la donna sirofenicia alla quale dice: «Donna, grande è la tua fede!». (Mt 15, 28). Alcuni, quando lo incontrano, gli chiedono che aumenti la loro fede, come fanno gli Apostoli: “Gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!»” (Lc 17, 5-6).

Credere in Gesù è credere nel Padre e vivere nella luce di Dio: «Io sono venuto nel mondo come luce». Vivere in questa luce è vivere lontano dalle tenebre, è vivere il senso pieno dell’esistenza, trovando ciò che veramente ognuno vuole: una vita ancorata nell’Amore. Nell’Amore di Dio per ciascuno di noi. La luce per trovare l’Amore vero è Gesù.

Gesù offre a tutti questo amore vero che ciascuno può trovare nel più profondo del suo essere e che tutti siamo chiamati a scoprire. In questa ricerca ha un ruolo importante la sincerità della nostra vita e saremo giudicati per essa. Per come abbiamo aperto il nostro cuore all’Amore o per come abbiamo resistito all’Amore che ci cerca continuamente.

E ancora una volta Gesù ci richiama alla vita eterna: «E io so che il suo comandamento è vita eterna». Nostro Signore Gesù Cristo, con la sua morte e la sua resurrezione, ci ha donato propriamente la vita eterna che è ciò che troviamo quando accogliamo l’Amore.
Questi giorni di Pasqua sono un tempo meraviglioso per vedere la nostra vita con una prospettiva di eternità. Liberarci dai lacci del tempo e dello spazio e pensare a ciò che ci aspetta se sappiamo esser fedeli a Gesù, fedeli all’Amore di Dio che ci viene dato in Gesù. Alla fine, lottando per vivere come Cristo vive identificato alla volontà del Padre. Così, con il suo esempio, ci insegna a vivere in sintonia con il Padre.


Fonte: La pagina Facebook di “Opus Dei Italia” | Sito Web con tutti i commenti al Vangelo 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 28 Aprile 2021