Javier Massa – Commento al Vangelo del 17 Novembre 2021

53

Il Signore, ancora una volta, ci parla con parabole. Oggi ci invita a utilizzare i doni che ci ha dato gratuitamente. Lo fa con la parabola delle mine, nella quale si parla di dieci servi a ognuno dei quali viene data una mina perché la faccia fruttare.
La mina era una moneta greca che equivaleva a cento denari, l’importo di cento giornate lavorative. Non era una grande somma, e perciò più tardi parlerà della fedeltà nel poco.

In realtà è poco ciò che ci viene chiesto a confronto di tutto ciò che ci viene promesso: la vita eterna. Come ai servi della parabola, a noi viene chiesto di fare fruttare quello che ci è stato consegnato fino al ritorno del Re. E a noi accadrà qualcosa di simile a ciò che è accaduto ai servi della parabola. Sono ricompensati quelli che hanno fatto fruttare la mina ed è castigato quello che ha avuto paura e l’ha conservata in un fazzoletto.

La mina che dobbiamo far rendere è la capacità di amare e di essere amati. Alla fine della nostra vita saremo giudicati da come abbiamo amato nella nostra vita. Come ha scritto in un tono molto bello san Giovanni della Croce: «Nella sera sarai esaminato sull’amore»[1].
Ognuno di noi sarà esaminato su come avrà utilizzato la mina, i talenti, che il Signore ci aveva dato per fare della nostra vita una vita d’Amore.

Comunque non dobbiamo farci trarre in inganno pensando che una vita d’Amore significhi compiere opere straordinarie, che tra l’altro raramente si presentano nella nostra vita. Dio ci aspetta nel quotidiano: rifinire perfettamente il lavoro di ogni giorno, sorridere, sorvolare su qualche impertinenza, offrirsi volontario per mettere in ordine la tavola, chiamare la persona che ci costa di più, curare i momenti di orazione, ecc. Tante occasioni che si presentano durante la giornata e che ci permettono di far rendere la mina che il Signore ha dato a ciascuno di noi.

Neppure dobbiamo pensare che sia un ideale troppo alto per noi. Come ha scritto una volta Benedetto XVI, «Essere santo non comporta essere superiore agli altri; anzi il santo può essere molto debole, con tanti sbagli nella sua vita. La santità è questo contatto profondo con Dio, il farsi amico di Dio: è lasciare operare l’Altro, l’Unico che può realmente far sì che il mondo sia buono e felice»[2].

Javier Massa

[1] San Giovanni della Croce, Avvisi e sentenze, n. 57.
[2] Joseph Ratzinger, “Lasciare operare Dio”, articolo sull’Osservatore Romano del 6 ottobre 2002.


Leggi altri commenti al Vangelo del giorno

Articolo precedenteVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 17 Novembre 2021
Articolo successivoSr. Palmarita Guida – Commento al Vangelo del 17 Novembre 2021