IUSVE Cube Radio – Riflessione al Vangelo del 2 Dicembre 2019

142

La professoressa Alessandra Graziottin, psicoterapeuta, ha affermato in un’intervista che ci sono ancora molte cose che non conosciamo dei modi in cui reagiamo alla malattia ma si p scoperto, ad esempio, che il sistema nervoso, il sistema endocrino e il sistema immunitario “dialogano” fra loro attraverso sostanze chimiche condivise. Quindi certamente l’amore può essere di grande aiuto anche per la guarigione fisica.

Lo guarirò

Può capitare che i nostri suoni perdano consistenza. Un “ti amo” pronunciato distrattamente in modo distaccato potrebbe voler dire totalmente il contrario, come pure un “mi fido di te”.

Nelle Scritture che accompagnano i cristiani verso Natale le parole del Maestro si rivelano performative, producono concretamente ciò che significano.

Lui dice “Sii guarito” e il risanamento avviene davvero.

Parole potenti, piene di consistenza. Parole che leniscono le ferite, invece di provocarle. Da quale parola vera, pesante, magari anche un po’ divina ci piacerebbe essere guariti oggi?

Darsi tempo per far guarire le ferite e trovare se stessi perché non siamo nati divisi, ma interi. Chi sta con noi deve poter avere la nostra parte più salubre.

 


Dall’oriente e dall’occidente verranno nel regno dei cieli.

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 8, 5-11

In quel tempo, entrato Gesù in Cafàrnao, gli venne incontro un centurione che lo scongiurava e diceva: «Signore, il mio servo è in casa, a letto, paralizzato e soffre terribilmente». Gli disse: «Verrò e lo guarirò».

Ma il centurione rispose: «Signore, io non sono degno che tu entri sotto il mio tetto, ma di’ soltanto una parola e il mio servo sarà guarito. Pur essendo anch’io un subalterno, ho dei soldati sotto di me e dico a uno: “Va’!”, ed egli va; e a un altro: “Vieni!”, ed egli viene; e al mio servo: “Fa’ questo!”, ed egli lo fa».

Ascoltandolo, Gesù si meravigliò e disse a quelli che lo seguivano: «In verità io vi dico, in Israele non ho trovato nessuno con una fede così grande! Ora io vi dico che molti verranno dall’oriente e dall’occidente e siederanno a mensa con Abramo, Isacco e Giacobbe nel regno dei cieli».

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.