Il Vangelo di oggi per la famiglia – 11 Maggio 2018

4

Oggi, Gesù ripete che sentiremo la sua vicinanza e ci accompagnerà nelle nostre difficoltà. Fare del bene richiede uno sforzo. Nessun nobile ideale si ottiene senza sacrificio. Ma quando abbiamo fatto il bene, la gioia è grande, e quasi non ricordiamo le difficoltà.

Gesù Cristo ci chiede di lottare per essere buoni come Lui e, se accettiamo il suo aiuto, Dio stesso ci conduce alla santità, verso il cielo. Né qui né là, nessuno ci potrà togliere la gioia di vivere con Gesù.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Gv 16, 20-23
Dal Vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:
«In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia.
La donna, quando partorisce, è nel dolore, perché è venuta la sua ora; ma, quando ha dato alla luce il bambino, non si ricorda più della sofferenza, per la gioia che è venuto al mondo un uomo. Così anche voi, ora, siete nel dolore; ma vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno potrà togliervi la vostra gioia. Quel giorno non mi domanderete più nulla».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte