Il Vangelo del giorno – venerdì 17 Agosto 2018 – Gesuiti

145

Nel bel mezzo dell’estate ci fermiamo a guardare i nostri sogni irrealizzati. Sono immensi, mentre la vita che conduciamo appare tanto piccola. A volte, Padre, ci viene da disprezzarla. Proviamo allora a ripercorrere la trama degli eventi che l’hanno formata, per disfarla e tesserla da capo. Passeremmo ore in questo esercizio, inseguendo sogni di grandezza e di felicità. Non riusciamo a tornare al quotidiano senza un senso di frustrazione. Segno di debolezza?

Eppure quando accettiamo che vi sia uno scarto tra l’ideale e il reale, quando lo assumiamo come parte della nostra condizione, allora tante rigidità del cuore si sciolgono. Ci guardiamo con tenerezza, come un’opera mutila e proprio per questo ancor più bella, che il Signore impiega nella costruzione del suo Regno.

Stefano Corticelli SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Che cosa significa, per me, scegliere?
  • A che cosa serve guardare al passato?
  • Qual è l’opera più bella che Dio ha compiuto nella mia vita?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 19, 3-12
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù alcuni farisei per metterlo alla prova e gli chiesero: «È lecito a un uomo ripudiare la propria moglie per qualsiasi motivo?».
Egli rispose: «Non avete letto che il Creatore da principio li fece maschio e femmina e disse: “Per questo l’uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una sola carne”? Così non sono più due, ma una sola carne. Dunque l’uomo non divida quello che Dio ha congiunto».
Gli domandarono: «Perché allora Mosè ha ordinato di darle l’atto di ripudio e di ripudiarla?».
Rispose loro: «Per la durezza del vostro cuore Mosè vi ha permesso di ripudiare le vostre mogli; all’inizio però non fu così. Ma io vi dico: chiunque ripudia la propria moglie, se non in caso di unione illegittima, e ne sposa un’altra, commette adulterio».
Gli dissero i suoi discepoli: «Se questa è la situazione dell’uomo rispetto alla donna, non conviene sposarsi».
Egli rispose loro: «Non tutti capiscono questa parola, ma solo coloro ai quali è stato concesso. Infatti vi sono eunuchi che sono nati così dal grembo della madre, e ve ne sono altri che sono stati resi tali dagli uomini, e ve ne sono altri ancora che si sono resi tali per il regno dei cieli. Chi può capire, capisca».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del giorno di venerdì 17 agosto 2018 – Paolo Curtaz
Articolo successivoCommento alle letture di domenica 19 Agosto 2018 – Missionari della Via