Il Vangelo del giorno – sabato 21 Luglio 2018 – Gesuiti

112

Gesù si sottrae ai farisei che hanno deciso di farlo morire. Non è ancora giunta la sua ora. Il suo consegnare la vita non coincide con la decisione dei farisei di toglierlo di mezzo. Il suo consegnarsi sarà un atto libero, consapevole e voluto, non il frutto di un ineluttabile destino.

Il perdono inizia già da qui: il suo sottrarsi non permette di scaricare la responsabilità sui suoi carnefici. Non se ne andrà alzando la voce, lamentandosi, facendo una rivoluzione per rivendicare diritti perduti. Semplicemente si consegnerà in un silenzio intriso di amore e si lascerà condurre come pecora muta e inerme di fronte ai suoi tosatori. Pagherà di persona l’anelito di giustizia di tutte le nazioni, senza pretendere che altri si diano da fare per ristabilirla, senza puntare il dito per accusare, senza pretendere un risarcimento dovuto. Semplicemente deciderà di togliersi dalla scena del mondo al momento opportuno, senza sostituire alla violenza altra violenza. E il suo andarsene in quel modo cambierà il corso della storia per sempre.

Il cambiamento non avviene sostituendo i vecchi contenuti con altri contenuti. Non basta combattere l’ingiustizia, è anche questione di stile. Il cambiamento avviene quando si ha il coraggio di cambiare le dinamiche con cui di solito accadono le cose, a partire da sé stessi. Questo processo richiede energia, c’è un costo da pagare, non è gratuito. Gesù ha assunto su di sé il costo per cambiare le logiche del mondo e inaugura per le generazioni future un nuovo modo di abitarlo. E’ questo lo stile del cristiano che vuole seguire Gesù come suo discepolo nel creare un mondo migliore.

Flavio Emanuele Bottaro SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Quali sono i valori in cui credi e per cui ti batti?
  • Come rivendichi i tuoi diritti e combatti l’ingiustizia che vedi intorno a te?
  • Come si porrebbe Gesù in quelle situazioni?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 12, 14-21
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, i farisei uscirono e tennero consiglio contro Gesù per farlo morire. Gesù però, avendolo saputo, si allontanò di là. Molti lo seguirono ed egli li guarì tutti e impose loro di non divulgarlo, perché si compisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaìa:
«Ecco il mio servo, che io ho scelto;
il mio amato, nel quale ho posto il mio compiacimento.
Porrò il mio spirito sopra di lui
e annuncerà alle nazioni la giustizia.
Non contesterà né griderà
né si udrà nelle piazze la sua voce.
Non spezzerà una canna già incrinata,
non spegnerà una fiamma smorta,
finché non abbia fatto trionfare la giustizia;
nel suo nome spereranno le nazioni».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.