Il Vangelo del giorno – sabato 11 Agosto 2018 – Gesuiti

118

Fidarsi degli altri è già molto difficile per molti di noi, Padre, la fiducia in se stessi è poi quella base che molto spesso diamo per scontata, ma che in verità ci manca.

Lo sdegno di Gesù non a caso sembra rivolto verso il padre disperato, quando invece è rivolto ai propri discepoli, i quali ancora una volta operano senza fiducia in se stessi e in quello a cui sono chiamati, non sono convinti di essere in grado di dare senza paura quello che sono, di poter testimoniare la potenza più grande di cui sono e si fanno strumento. I discepoli ancora non hanno capito di essere figli amati, chiamati ad amare.

Se non sappiamo da dove veniamo, non sappiamo dove siamo e dove stiamo andando.

Soffriamo molto come l’epilettico, che nel bel mezzo di una normale quotidianità si può ritrovare a cadere nel fuoco e nell’acqua, le crisi non sono prevedibili e possono costare la vita e – nel parallelo spirituale – il significato profondo di essa.

L’uomo Gesù ancora una volta testimonia l’onnipotenza nella fermezza e nella fede dinanzi alle avversità, dinanzi alla paura e allo sgomento, dinanzi all’inconsapevolezza:

basta farsi piccoli come un granello di senape, ma sapere di esserlo, comprendere la fecondità alla quale siamo chiamati ed avere fiducia nel buono, anche a volte piccolo, di cui siamo risultato, per compiere il meglio di ciò che siamo. Possiamo.

Mounira Abdelhamid Serra

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Quali sono le mie origini? Cosa riconosco di buono in esse e nella mia storia?
  • Come mi pongo dinanzi alle avversità oggi?
  • Per quali situazione è il momento di avere fede e dare fiducia?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 17, 14-19
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, si avvicinò a Gesù un uomo che gli si gettò in ginocchio e disse: «Signore, abbi pietà di mio figlio! È epilettico e soffre molto; cade spesso nel fuoco e sovente nell’acqua. L’ho portato dai tuoi discepoli, ma non sono riusciti a guarirlo».
E Gesù rispose: «O generazione incredula e perversa! Fino a quando sarò con voi? Fino a quando dovrò sopportarvi? Portatelo qui da me». Gesù lo minacciò e il demonio uscì da lui, e da quel momento il ragazzo fu guarito.
Allora i discepoli si avvicinarono a Gesù, in disparte, e gli chiesero: «Perché noi non siamo riusciti a scacciarlo?». Ed egli rispose loro: «Per la vostra poca fede. In verità io vi dico: se avrete fede pari a un granello di senape, direte a questo monte: “Spòstati da qui a là”, ed esso si sposterà, e nulla vi sarà impossibile».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte: LaSacraBibbia.net

Articolo precedenteVangelo del giorno – sabato 11 Agosto 2018 – don Luigi Maria Epicoco
Articolo successivoIl Vangelo del giorno per la famiglia – sabato 11 Agosto 2018