Il Vangelo del giorno per la famiglia – venerdì 8 Giugno 2018

130

Oggi, stupiti, contempliamo il “cuore spaccato” di Cristo. Era già morto! Era necessario questo ultimo atto violento? Gesù voleva rimanere con il “cuore aperto” in modo che, entrandoci, abbiamo accesso all’amore del Padre e dello Spirito Santo. Questo è Dio: Amore Infinito aperto.

Quel colpo di lancia non poteva fare male Cristo, perché aveva già dato la vita. Fece male alla Vergine Maria. E a te?

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Gv 19, 31-37
Dal Vangelo secondo Giovanni

Era il giorno della Parascève e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato – era infatti un giorno solenne quel sabato –, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via.
Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all’uno e all’altro che erano stati crocifissi insieme con lui. Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua.
Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate. Questo infatti avvenne perché si compisse la Scrittura: «Non gli sarà spezzato alcun osso». E un altro passo della Scrittura dice ancora: «Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte