Il Vangelo del giorno per la famiglia – lunedì 25 Giugno 2018

154

Oggi continuiamo ad ascoltare il sermone di Gesù. Ora ci consiglia di non precipitarci a parlare degli altri. Facilmente li calpestiamo “dettando sentenza”! E lamentabile, soprattutto cosiderando che la nostra conoscenza delle persone è molto limitata. Non così agli occhi di Dio, che sa tutto di tutte le anime e loda il più positivo di esse.

Un’altro modo semplice di “nascondere” i miei diffetti è parlare (anche esagerare) i difetti degli altri. «Ipocrita, togli prima dal tuo occhio la trave, e allora ci vedrai bene per trarre la pagliuzza dall’occhio di tuo fratello». —Gesù, vorrei vedere con gli occhi tuoi misericordiosi.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 7, 1-5
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Non giudicate, per non essere giudicati; perché con il giudizio con il quale giudicate sarete giudicati voi e con la misura con la quale misurate sarà misurato a voi.
Perché guardi la pagliuzza che è nell’occhio del tuo fratello, e non ti accorgi della trave che è nel tuo occhio? O come dirai al tuo fratello: “Lascia che tolga la pagliuzza dal tuo occhio”, mentre nel tuo occhio c’è la trave? Ipocrita! Togli prima la trave dal tuo occhio e allora ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall’occhio del tuo fratello».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Fonte