Il Vangelo del giorno – martedì 31 Luglio 2018 – Gesuiti

49

Nella casa il Signore spiega il senso delle parabole. È la comunità il luogo di “comprensione” della Parola, quasi a dire che non esiste la possibilità di capire ciò che dice Gesù, se non all’interno della dinamica fraterna, della fatica relazionale. Il Figlio dell’uomo è colui che semina: e qui c’è la seconda buona notizia per noi, egli esce sempre a seminare, non si stanca di evangelizzare il campo del mondo!

Il mondo siamo noi, presi insieme ma anche singolarmente: il mondo sono io e il buon grano e la zizzania fanno entrambi parte del “mio campo”. Anch’io, nel confronto con gli altri, nel servizio ai piccoli, nell’attenzione alla presenza del Signore, sono contemporaneamente figlio del Regno e figlio del Maligno. A volte non è neanche facile capire cosa sono! A volte vorrei fare subito grande chiarezza e dividere definitivamente l’uno dall’altra, ma non si può! Questo non spetta a noi,  avverrà alla mietitura, alla fine dei tempi, e sarà affidato agli angeli.

Gesù ci dice di continuare ad ascoltare la Parola nella comunità per non mortificare la speranza e vivere in pace nelle contraddizioni, senza esserne abbattuti o depressi. Inoltre possiamo darci da fare, capendo cosa si muove dentro il nostro campo, attivando un processo (sempre in divenire) di distinzione e di scelta.

Oggi ricordiamo sant’Ignazio di Loyola, maestro della vita spirituale, infiammato d’amore per il Signore, apostolo pronto ad andare ai confini del mondo. Egli ci insegna, con le Regole per il discernimento degli spiriti, come distinguere il grano dalla zizzania, come dare nome “in qualche modo” a ciò che si muove dentro di me, così da scegliere ciò che viene da Dio e respingere ciò che viene dal Maligno. In questo modo anch’io collaboro alla venuta del Regno.

Stefano Titta SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Quando, con la pazienza e i tempi del Signore, ho finalmente potuto distinguere il grano dalla zizzania?
  • In che luogo della mia vita stanno crescendo contemporaneamente grano e zizzania?
  • Quale confusione voglio affidare al Signore?
  • Quale speranza sto coltivando?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 13, 36-43
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù congedò la folla ed entrò in casa; i suoi discepoli gli si avvicinarono per dirgli: «Spiegaci la parabola della zizzania nel campo».
Ed egli rispose: «Colui che semina il buon seme è il Figlio dell’uomo. Il campo è il mondo e il seme buono sono i figli del Regno. La zizzania sono i figli del Maligno e il nemico che l’ha seminata è il diavolo. La mietitura è la fine del mondo e i mietitori sono gli angeli. Come dunque si raccoglie la zizzania e la si brucia nel fuoco, così avverrà alla fine del mondo. Il Figlio dell’uomo manderà i suoi angeli, i quali raccoglieranno dal suo regno tutti gli scandali e tutti quelli che commettono iniquità e li getteranno nella fornace ardente, dove sarà pianto e stridore di denti. Allora i giusti splenderanno come il sole nel regno del Padre loro. Chi ha orecchi, ascolti!».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.