Il Vangelo del giorno – martedì 21 Agosto 2018 – Gesuiti

130

Con le mani e le tasche piene non si entra nel regno dei cieli. Accumulare labili certezze umane ci impedisce di affidarci completamente al Signore. La strada per il regno dei cieli si fa più impervia, si allontana la possibilità di sicurezza assoluta che consegnarsi totalmente al Signore può invece offrire. A lui tutto è possibile, non è necessario che ci affanniamo a mettere da parte: ammassare ricchezze terrene non può che appesantirci. Liberarci dall’ansia del possesso rende più libere e più liberanti le nostre relazioni – sia con le cose, sia con i fratelli.

Lasciamo spazio alla grazia, non ingombriamo la strada. Permettiamo al Signore di permeare ogni angolo del nostro cuore, perché possa muoversi liberamente e così accompagnarci con semplicità nel regno dei cieli. Nulla impedisca il suo avanzare, nulla prenda il suo posto. Seguirlo sulle lunghe strade della vita sarà più semplice, se porteremo bagagli leggeri e poco ingombranti.

Senza arroccarci nei nostri piccoli possedimenti, liberiamoci di ogni zavorra, perché possiamo correre al Signore col cuore leggero.

Verena M.

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Cosa impedisce l’azione di grazia del Signore, nella mia vita?
  • Che cosa invece trattiene me dal seguirlo?
  • In che occasione ho scoperto che la mia povertà e dunque la mia debolezza hanno permesso al Signore di operare nella mia vita?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Mt 19, 23-30
Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «In verità io vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio».
A queste parole i discepoli rimasero molto stupiti e dicevano: «Allora, chi può essere salvato?». Gesù li guardò e disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile».
Allora Pietro gli rispose: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne avremo?». E Gesù disse loro: «In verità io vi dico: voi che mi avete seguito, quando il Figlio dell’uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, alla rigenerazione del mondo, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d’Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna. Molti dei primi saranno ultimi e molti degli ultimi saranno primi».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.