Il Vangelo del giorno – domenica 24 giugno 2018 – Gesuiti

141

Nasce una nuova creatura, inizia una nuova storia. Già la sua nascita segna un cambio radicale nella vita di questi genitori, che non si aspettavano certo di generare alla loro età. A volte capita: proprio nella quotidianità fatta di abitudinarietà e di cose scontate, inaspettatamente, accade qualcosa che cambia improvvisamente le carte in tavola e costringe a prendere contatto con un nuovo orizzonte di vita. Tutto non sarà più come prima. Quando capita una cosa del genere, la tentazione è quella di addomesticare la novità per ricondurla ai propri schemi, nel tentativo di neutralizzare la sua componente sconvolgente e inedita. La novità, anche quando è bella, suscita sempre una certa paura.

Elisabetta e Zaccaria si rendono conto che sono davanti a un mistero più grande di loro. Hanno la sensazione che la vera novità deve ancora arrivare e che non bisogna chiudere in modo troppo frettoloso la comprensione di quello che sta succedendo. Impongono un nome che non è incluso nella loro tradizione familiare: il nome mai sentito annuncia una novità inedita. In quel bimbo intravvedono il compimento di una promessa che non riguarda (solo) il superamento della loro sterilità, bensì include il destino del popolo a cui appartengono. Anche i nomi in gioco lasciano trasparire un modo nuovo di mettersi in ascolto della novità. Il bimbo avrebbe dovuto chiamarsi Zaccaria, che in ebraico significa: “Memoria di Yahweh”. Un nome che invita a guardare al passato per cogliere la straordinarietà di questo bambino. Giovanni, invece, significa: “Dono di Dio”, che evoca una novità radicale, gratuita e indeducibile dalle condizioni di vita precedenti.

E’ curioso che nella lingua italiana (così pure in quella inglese e francese), la parola “dono” ha come sinonimo “presente”: come fosse l’invito all’apertura del qui adesso per accogliere incondizionatamente quello che verrà e che ancora deve essere compreso. Come a dire che noi proveniamo dal nostro passato, ma è rimanendo aperti nel presente che possiamo comprendere realmente chi siamo. Il nostro Dio è un Dio che sa sorprendere sempre. L’unica condizione che chiede è la disponibilità a rinviare la costruzione del senso per gustare fino in fondo il dono ricevuto. Il mutismo imposto a Zaccaria è la via per creare quella condizione di silenzio dentro di sé e contemplare la novità che sta accadendo sotto i suoi occhi per accogliere in modo incondizionato il qui e ora che sta avvenendo.

Flavio Emanuele Bottaro SJ

Immagino

Provo a visualizzare la scena, il luogo in cui avviene, i personaggi principali, le parole che si scambiano, il tono delle voci, i gesti. E lascio affiorare il mio sentire, senza censure, senza giudizi.

Rifletto sulle domande

  • Quale novità si sta presentando nel tuo presente?
  • Come ti stai preparando ad accoglierla?
  • Cosa significa per te accettare la realtà, così come si presenta?

Ringrazio

Come un amico fa con un amico, parlo con il Signore su ciò che sto ricevendo da lui oggi…
Recito un “Padre nostro” per congedarmi e uscire dalla preghiera.

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato secondo il metodo della spiritualità ignaziana, disponibile anche tramite la loro newsletter quotidiana.

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO
XII DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B
NATIVITA’ DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di domenica 24 Giugno 2018 anche qui.

Battezzate tutti i popoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 1, 57-66.80

Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva manifestato in lei la sua grande misericordia, e si rallegravano con lei.
Otto giorni dopo vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo con il nome di suo padre, Zaccarìa. Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome».
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. Egli chiese una tavoletta e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. All’istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio.
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. Tutti coloro che le udivano, le custodivano in cuor loro, dicendo: «Che sarà mai questo bambino?». E davvero la mano del Signore era con lui.
Il bambino cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.

Parola del Signore

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO