Il Vangelo del giorno, 9 Ottobre 2019 – Lc 11, 1-4

826

XXVII Settimana del Tempo Ordinario – Anno I

  • Periodo: Mercoledì
  • Il Santo di oggi: Ss. Dionigi e c. (mf); S. Giovanni Leonardi (mf); S. Abramo
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Signore, tu sei misericordioso e pietoso.
  • Letture del giorno: Gio 4, 1-11; Sal.85; Lc 11, 1-4
  • Calendario Liturgico di Ottobre

Leggi il brano del Vangelo odierno

Lc 11, 1-4
Dal Vangelo secondo Luca

Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli».
Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:
Padre,
sia santificato il tuo nome,
venga il tuo regno;
dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,
e perdona a noi i nostri peccati,
anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,
e non abbandonarci alla tentazione».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews.

Commento al Vangelo a cura dei
Monaci Benedettini

La preghiera del Padre Nostro.

L’evangelista Luca narra delle circostanze nelle quali Gesù ha insegnato il Padre Nostro ai suoi discepoli. Uno dei doni più preziosi lasciatoci da Gesù nella sua missione terrena, la preghiera del Padre Nostro, proviene da una richiesta specifica dei discepoli. I discepoli sono abituati alla preghiera del loro Maestro.

Lo vedono spesso appartarsi a pregare. Gesù vuol scegliere dei luoghi e dei momenti particolari per rivolgersi al Padre. Le veglie notturne, la solitudine di un monte, il silenzio del deserto sono le condizioni ideali per questa preghiera. I discepoli si rendono conto anche di un’altra particolarità. Gesù non prega come gli altri maestri del tempo. Con Gesù loro vedono che la preghiera è un legame intimo e profondo con il Padre. Si sentono quasi esclusi da questo comportamento di Gesù, però sono attenti e discreti. Aspettano, prima di rivolgerGli la lor richiesta, che abbia finito di pregare.

Non è soltanto il rispetto per il loro maestro; dimostrano proprio questo momento particolarissimo e così importante del Signore. Nella preghiera di Gesù, i discepoli sono testimoni della particolare Rivelazione che si svolge nel silenzio della preghiera. I discepoli attendono fiduciosi e non vogliono interrompere questo particolare momento. Sul monte della preghiera di Gesù, quasi altro monte Tabor della Rivelazione di Gesù, i discepoli vogliono essere partecipi di questo momento per assaporare completamente la dolcezza di quel momento così intimo.

Chiediamo allo Spirito che anche la nostra preghiera sia un momento di particolare unione con Dio perché Egli si riveli nella nostra vita.