Il Vangelo del giorno, 8 Giugno 2018 – Gv 19, 31-37

460

Il commento al Vengelo del
8 Giugno 2018 su Gv 19, 31-37

Nona settimana del Tempo Ordinario – Anno II/B
SACRATISSIMO CUORE DI GESU’

  • Colore liturgico: Bianco
  • Periodo: Venerdì
  • Il Santo di oggi: SACRATISSIMO CUORE DI GESU’ 
  • Ritornello al Salmo Responsoriale: Attingeremo con gioia alle sorgenti della salvezza
  • Letture del giorno: Os 11, 1. 3-4. 8-9; Sal. Is 12; Ef 3, 8-12. 14-19; Gv 19, 31-37
  • Calendario Liturgico di Giugno
Le letture del giorno (prima e Vangelo) e le parole di Papa Francesco da VaticanNews:

[powerpress]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

Gv 19, 31-37
Dal Vangelo secondo Giovanni

Era il giorno della Parascève e i Giudei, perché i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato – era infatti un giorno solenne quel sabato –, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via.
Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all’uno e all’altro che erano stati crocifissi insieme con lui. Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua.
Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perché anche voi crediate. Questo infatti avvenne perché si compisse la Scrittura: «Non gli sarà spezzato alcun osso». E un altro passo della Scrittura dice ancora: «Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto».

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

Commento al Vangelo a cura dei Monaci Benedettini

“Uno dei soldati gli colpì il costato e subito ne uscì sangue e acqua”.

[better-ads type=”banner” banner=”84722″ campaign=”none” count=”2″ columns=”1″ orderby=”rand” order=”ASC” align=”right” show-caption=”1″][/better-ads]

L’amore di Dio attraversa tutta la creazione, “eterna è la sua misericordia”, ma si fa redenzione, manifestazione d’amore per tutti gli uomini, quando il Figlio di Dio si consegna volontariamente alla morte.

“Il mistero, nascosto da secoli nella mente di Dio,” viene ora rivelato, – dice San Paolo. Tutti i popoli “sono chiamati, in Cristo Gesù, a partecipare alla stessa eredità con Israele, a formare lo stesso corpo e ad essere partecipi della promessa”. Tutto l’evento “Cristo” è questo amore che sta di là da ogni immaginazione umana e che Dio Padre ha reso disponibile.

“L’ampiezza della carità è tale che si estende fino ai nemici. La lunghezza nel tempo è tale che non viene mai meno, ma incomincia quaggiù e si conclude nella gloria. Non proviene da noi neppure il fatto che amiamo Dio, ma è lo Spirito di Gesù che ci attrae, trovandoci disponibili. Quanto il Padre ci abbia amato in Cristo e quanto grande sia stato l’amore di Cristo per noi appare nella sua forma estrema sulla croce, da quel cuore squarciato dalla lancia del soldato.

Non si tratta di un semplice particolare, l’evangelista sottolinea solennemente che quel sangue simboleggia il sacrificio di Cristo, l’acqua è indice dello Spirito che Gesù aveva promesso di effondere. Dal cuore trafitto di Gesù nasce la Chiesa. La solennità del Sacro Cuore è la sintesi di tutto il disegno salvifico: proclama Dio che si manifesta amore crocifisso per l’uomo.

“Cristo nostro Signore innalzato sulla croce nel suo amore senza limiti donò la vita per noi e dalla ferita del suo fianco effuse sangue e acqua, simbolo dei sacramenti della Chiesa, perché tutti gli uomini, attirati al cuore del Salvatore, attingessero con gioia alla fonte perenne della salvezza”.